Etichetta del caricatore di moduli
IT it

LISTERIA E BIOFILM NELL’INDUSTRIA ALIMENTARE: COME PREVENIRLI?

La listeriosi è un’infezione causata dal batterio Listeria monocytogenes, un microrganismo con habitat naturale nei terreni, nelle piante e nell’acqua. Se ingerito in quantità importanti attraverso alimenti contaminati, questo batterio può avere conseguenze molto gravi sull’uomo.

È fondamentale quindi prevenirlo utilizzando formulati specifici e seguendo accurate procedure di sanificazione facilmente adottabili da qualsiasi produttore di alimenti e bevande.

LE CRESCENTI RESTRIZIONI IN MATERIA A LIVELLO MONDIALE

Nonostante il numero di casi di listeriosi segnalati nel mondo sia ad oggi relativamente esiguo (circa 2.500 casi in Europa nel 2018), si evidenzia un’elevata percentuale di ospedalizzazioni e decessi causati dall’infezione.

Questo patogeno è particolarmente pericoloso se ingerito da persone con deboli difese immunitarie; un dato che preoccupa se consideriamo il costante innalzamento dell’invecchiamento medio nei Paesi sviluppati.

Per questo motivo le legislazioni nazionali tendono a porre dei limiti alla quantità di Listeria monocytogenes presente negli alimenti e nelle bevande in uscita dalle aziende di produzione. Fino ad arrivare a Paesi, come ad esempio gli Stati Uniti, in cui non c’è alcuna tolleranza per la presenza di questo microrganismo. Naturalmente i limiti imposti negli USA sono validi anche per i produttori di altri Paesi che intendono esportare in questa nazione, e quindi gli enti che autorizzano questi movimenti di merci fanno grande pressione perché si abbiano alimenti totalmente privi di Listeria.

COME AVVIENE LA CONTAMINAZIONE DA LISTERIA E BIOFILM

Vivendo sul terreno e nelle acque superficiali, è con le materie prime che la Listeria entra nelle industrie alimentari. Si tratta di un microorganismo che non ha grande resistenza ai trattamenti termici o ad altri trattamenti di conservazione: sopravvive però ad elevati tassi salini ed è capace di moltiplicarsi anche a basse temperature. Inoltre, negli ultimi anni, è stato reso noto che la Listeria non solo è capace di vivere all’interno di biofilm formati da altri microrganismi, ma è essa stessa un promotore di biofilm.

Protetta da biofilm, diventa poco sensibile ai trattamenti di disinfezione e si moltiplica indisturbata continuando a contaminare alimenti e bevande con cui entra in contatto.

Fino a poco tempo fa si pensava che la contaminazione avvenisse solamente a partire da biofilm “maturi”, ovvero biofilm aventi una dimensione tale da essere “lesionati” dai flussi esterni, oppure da cui i microrganismi si allontanano perché all’interno non riescono più a trovare nutrimento.

Studi recenti hanno invece dimostrato la dinamicità del rapporto biofilm-ambiente esterno con conseguente possibilità di contaminazione continua degli alimenti: ciò ha cambiato l’approccio alla prevenzione della contaminazione da Listeria, e più in generale da biofilm, che fino a quel momento era orientata soprattutto a prevenire la maturazione di quest’ultimo, ricorrendo a sistemi enzimatici prima che raggiungesse dimensione critiche.

LA PREVENZIONE NELL’INDUSTRIA DEGLI ALIMENTI

Produzione di salumi e alimenti pronti industria alimentare bevande prevenzione listeria e biofilm

L’importanza di agire sullo sviluppo dei biofilm, cioè la fase iniziale di adesione dei microrganismi promotori alle superfici, ha determinato importanti novità nella prevenzione dell’infezione.

Oggi sappiamo che l’adesione è favorita dalla presenza di residui organici e inorganici: in particolare, la presenza di ioni calcio è fondamentale affinché le strutture microbiche addette all’ancoraggio si leghino alle superfici.

È importante considerare questi fattori nella stesura delle procedure di sanificazione da adottare in ambito produttivo:

  • i microrganismi possono ancorarsi alle superfici solo se queste hanno tracce di sostanza organica e depositi minerali che permettono l’ancoraggio e la protezione;
  • solo soluzioni detergenti adeguatamente sequestranti e tensioattivate evitano i depositi sopra elencati ed impediscono quindi la prima fase della formazione dei biofilm;
  • questi concetti derivano dalle leggi della termodinamica che sono valide a livello universale;
  • lavaggi effettuati con soluzioni semplicemente caustiche (es. solo soda) non hanno la capacità di rimuovere residui inorganici dalle superfici.