Etichetta del caricatore di moduli

RICERCA & SVILUPPO:
SCOPRI I NOSTRI ULTIMI TRAGUARDI!

PERCHÉ INNOVARE, PER NOI, SIGNIFICA ESSERE SEMPRE PIÙ VICINO ALLE ESIGENZE DEI NOSTRI CLIENTI.

Ci rivolgiamo ai produttori di vino, alimenti e bevande di tutto il mondo: la nostra attività di ricerca ha il fine di sviluppare e arricchire il patrimonio di conoscenze per l’elaborazione di prodotti di qualità, sani e sicuri.

L’analisi alla base di un’enologia mirata e preventiva

La nostra struttura di Ricerca e Sviluppo si è distinta negli anni per la sua solidità, grazie a un’efficace organizzazione interna e alla costante collaborazione con i più prestigiosi centri di ricerca e le università.

Da sempre ci impegniamo per rendere concreto il concetto di enologia mirata, attenta alle esigenze delle cantine e di tutti i professionisti del vino. Lo facciamo con un network composto da oltre 200 esperti, enologi, agronomi, biologi, biotecnologi e tecnologi alimentari. Ed è proprio questa eterogeneità scientifica la chiave della nostra innovazione: abbiamo così cominciato a parlare di nutrizione varietale, lieviti selezionati, antiossidanti naturali per preservare la longevità delle bevande, e detergenti biodegradabili oltre il 95% che contribuiscono a ridurre i consumi idrici ed energetici.

Lavorare insieme alle università e ai centri di ricerca di tutto il mondo ha giocato un ruolo fondamentale nella nostra attività, e ci ha consentito di mettere a punto nuove soluzioni biotecnologiche e tecnologiche.

La messa a punto di nuove biotecnologie, detergenti e prodotti di filtrazione parte sempre dal cliente e dalla necessità di garantire una produzione di qualità ma che sia sostenibile, per il produttore, per la comunità in cui viviamo e per l’ambiente.

LE NOSTRE PRINCIPALI AREE DI R&S IN AMBITO ENOLOGICO

OGGETTO DI RICERCA OBIETTIVO
Lieviti selezionati non-Saccharomyces Migliorare il profilo aromatico dei vini
Ridurre il tenore di anidride solforosa
Batteri malolattici Garantire la buona riuscita della FML
Microrganismi selezionati da strategie di evoluzione adattativa (tramite breeding) Ottimizzare la fermentazione alcolica
Ridurre il rischio di effetti indesiderati sui lieviti
Agenti chiarificanti di origine vegetale Stabilizzare il vino con ingredienti di origine naturale
Consentire di chiarificare vini vegani
Tannini varietali Migliorare la funzione protettiva sui composti coloranti ed aromatici attraverso la suddivisione delle tipologie di antociani in relazione alle macro famiglie di uve
Nutrienti varietali Esaltare il profilo aromatico originario del vino attraverso la ricerca di aminoacidi specifici
Gomma arabica Conferire maggior morbidezza al vino
Antiossidanti naturali Preservare la stabilità e la qualità del vino nel tempo
Detergenti sostenibili e biodegradabili oltre il 95% Assicurare un’efficace sanificazione e igienizzazione riducendo al minimo l’impatto ambientale
Biocidi origine vegetale Fornire alternative naturali per la sanificazione con efficacia comprovata contro il biofilm
Ridurre al minimo le emissioni inquinanti grazie all’assenza di prodotti chimici nei reflui

I nostri ultimi studi

  • Indagini e test per migliorare la produzione degli LSA (lieviti secchi attivi) e le loro performance in condizioni critiche utilizzando estratti di semi oleosi. In collaborazione con l’Università degli Studi della Basilicata. Presentazione dello studio al simposio Internazionale “International Conference on Yeast Genetics and Molecular Biologs, ICY15.
  • Selezione ed ottimizzazioni di Acetobacter pasteurianus per aceti tradizionali e balsamici. In collaborazione con L’Università degli Studi Modena e Reggio Emilia (UNIMORE).
  • Selezione ed ibridizzazione di ceppi enologici idonei alla spumantizzazione. In collaborazione con l’Università degli Studi Modena e Reggio Emilia (UNIMORE).
  • Ottimizzazione di formulazioni enzimatiche capaci di estrarre meno polifenoli ossidabili (catechine) garantendo rese ed estrazioni aromatiche elevate. In collaborazione con l’Università degli studi di Torino (UNITO).
  • Caratterizzazione del potere antiossidante correlato alle componenti polifenoliche dei tannini, ottimizzando le indagini analitiche per la stima della capacità antiossidante. In collaborazione con l’Università degli studi di Torino (UNITO).

FOCUS 2022: LIEVITI E TANNINI

Nuovi lieviti specifici per vini spumanti

Lo studio in questione verte sulle strategie di evoluzione adattativa e di breeding per la selezione di starter ottimizzati per il processo di spumantizzazione.

La produzione di vino spumante in bottiglia o in autoclave è una pratica consolidata ma, se non eseguita in modo corretto, è causa di vari insuccessi. Impiegare lieviti non idonei può compromettere il prodotto finale, rallentando o bloccando in modo anomalo il processo. La rifermentazione, in bottiglia o autoclave è, infatti, un processo piuttosto limitante per i lieviti, dato che sono sottoposti a condizioni stressanti.

Evidenze scientifiche confermano gli effetti indesiderati sui lieviti, in termini di riduzione dell’attività e del vigore fermentativo, dovuti all’accumulo della CO2 durante il processo.

La selezione di colture di lievito idonee alla spumantizzazione tramite evoluzione adattativa può iniziare dall’identificazione di ceppi resistenti a queste pressioni.

SCOPRI DI PIÙ

L’Impatto dei tannini enologici sul vino

I tannini enologici sono coadiuvanti utilizzati per migliorare la stabilizzazione e l'affinamento dei mosti e dei vini, nonché per aumentare la capacità antiossidante e antiossidasica dei mosti e per promuovere la stabilità del colore. Sono prodotti tramite un'estrazione solido-liquida da materiale vegetale e si possono trovare sia come singola specie che come specie botaniche in miscela, come uva, quercia, castagno, quebracho, acacia e tara. In questo studio, 17 tannini puri e formulati in miscela, sono stati sono stati caratterizzati in termini di contenuto polifenolico e capacità antiossidante in un vino modello e in un vino rosso dopo un mese di conservazione, nonché di caratteristiche sensoriali di aroma, astringenza e amarezza in acqua e vino rosso. Sono state analizzate anche le caratteristiche cromatiche del vino rosso aggiunto dopo un mese di conservazione.

SCOPRI DI PIÙ