Come eliminare il difetto di ridotto nel vino | AEB Group
Etichetta del caricatore di moduli
AEB SPA
Indicazioni e mappa

COME ELIMINARE IL DIFETTO DI RIDOTTO NEL VINO

Il difetto legato ai descrittori olfattivi di zolfo e di uovo marcio nel vino ha origine dalla formazione di idrogeno solforato (H2S). Dal nostro reparto di Ricerca e Sviluppo nasce Desulfin C, un nuovo stabilizzante a base di citrato di rame, adatto anche alla produzione di vino biologico, in grado di risolvere il difetto di ridotto.

LA FORMAZIONE DI COMPOSTI SOLFORATI NEL VINO

L’acido solfidrico (H2S) si può formare nel corso della fermentazione in seguito all’azione dei lieviti su composti contenenti zolfo, ma anche a causa dell’assenza di ossigeno durante alcune fasi dell’affinamento.

Nel corso della fermentazione alcolica l’H2S viene utilizzato nella sintesi degli aminoacidi solforati (cisteina e metionina), ma se in eccesso viene rilasciato nel mezzo.

Nei mosti, in condizioni di carenza di azoto prontamente assimilabile, i lieviti degradano le proteine per azione enzimatica (cistein-desulfitasi) portando alla formazione di H2S.

Nel vino, durante le fasi di affinamento, la formazione di questo composto è invece correlato al profilo polifenolico ed alla presenza di fecce.

L’ELIMINAZIONE DEL DIFETTO DI RIDOTTO CON DESULFIN C

L’ELIMINAZIONE DEL DIFETTO DI RIDOTTO CON DESULFIN C

Per eliminare questo difetto aromatico è necessario intervenire in tempi brevi con opportune aggiunte di una miscela cuprica come il nuovo Desulfin C, formulato con il 2% di rame citrato. La sua aggiunta, grazie all’azione combinata del rame citrato e delle scorze adsorbenti, permette di rimuovere in maniera efficace le note di ridotto.

Inoltre, studi accreditati* dimostrano che la presenza nei vini rossi e bianchi di tracce di ioni rame, dell’ordine di qualche decimo di mg/L, svolge un ruolo utile nei riguardi dello sviluppo dei loro bouquet in bottiglia.

Grazie al dosaggio indicato, ponderato sulla composizione specifica di Desulfin C, si riduce il rischio di oltrepassare il limite di legge di 1 mg/L di rame.

L’aggiunta di citrato di rame è una pratica ammessa dal Regolamento Europeo per la vinificazione biologica: Desulfin C può quindi essere utilizzato per la produzione di vini bio.

* Ribéreau-Gayon et al.
Vuoi essere sempre informato su tutte le novità, iniziative ed eventi del Gruppo?
Iscriviti subito alla nostra newsletter!
Questo sito web utilizza dei cookies tecnici e cookies di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti. Per saperne di più e per la gestione di tali cookies, clicca qui. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie di profilazione impiegate dal sito. Per nascondere questo messaggio clicca qui